Teatro




 

TUTTO APPESO A UN FILO
Piccolo varietà ubriaco

 Due personaggi abitanti del “basso mondo”, si trovano sull’orlo di una dimensione sconosciuta , quasi ai margini del nulla. Obbligati precari, testimoni e superstiti di un’epoca finita vivono l’attesa dell’ignoto come comici, ma per fare ridere chi?
Lettura di prose poetiche quasi canzoni . Parole in bilico, interrotte da musiche , ricordi sonori senza l’obbligo preciso di una trama . Varietà onirico per voce sola e computer portatile.
Gli oggetti , pezzi recuperati dell’andata civiltà sono rappresentati dalla macchina scenica illuminata da fievoli lumicini nella notte.

Presentato nel 2011 al Festival la "cittadella di Alessandria" Teatro regionale di Alessandria.
Testo e regia Marzia Valpiola
Durata 50 min
Spettacolo /performance adattabile in spazi chiusi e aperti


 

IL VENTO

“Tutti gli essere sono nella grande anima e la grande anima è in tutti gli esseri. Colui che scopre ciò non se ne allontana“   Isa ,Upanisad (libro sacro Indiano)

 

Diverse tecniche corporee si concretano in forma di spettacolo surreale quando alcuni personaggi si raccolgo per dare vita a Il VENTO.
La performance è un contenitore in cui fluttuano figure provenienti da culture ed esperienze diverse ma riconducibili, le une alle altre, per una serie di comuni e sottili principi biomeccanici , terapeutici e sensitivi.
Musiche , danze e brevi racconti ci portano in paesi stranieri dove possiamo riconoscerci. Un piccolo viaggio. Esperienze cadenzate da un ritmo un po’ forzato, tutte le une vicino alle altre per formare un quadro roteante di linguaggi e espressioni. La connessione con il mondo.

Regia:Marzia Valpiola
Con : Manuele Tappa (Didgeridoo) Durga (Danza Indiana) Cinzia Brizzi (Danza Araba) Ezra, Wen Zhong You (maestro di arte marziale)
Presentato per il Festival di discipline naturali Cave di Moleto ( Al)

Spettacolo /performance adattabile in spazi chiusi e aperti